prima pagina

  1. Tempo di Natale: la Basilica di Santa Maria all’Ara Coeli e il Bambinello miracoloso

    «Santa Maria in Ara Coeli al Campidoglio, Chiesa regionale SENATUS

    Basilica di Santa Maria in Ara Coeli – Canaletto.

    POPULUSQUE ROMANUS»: la definizione dell’Annuario della Diocesi di Roma è tanto sintetica quanto densa di significati: se la Basilica di San Pietro in Vaticano e la Cattedrale di San Giovanni in Laterano legano l’Urbe all’apostolo Pietro e ai suoi successori, l’Ara Coeli è la chiesa del popolo romano e delle sue istituzioni civiche. E c’è più di una ragione a rendere questa chiesa unica: secondo un’antica tradizione, nel luogo dove essa sorge, l’imperatore Ottaviano Augusto avrebbe avuto la visione di una giovane donna con un bambino in braccio che gli preannunciava: «Haec est Ara Filii Dei», «questo è l’Altare del Figlio di Dio». Dopo quella visione, l’imperatore avrebbe deciso di innalzare un piccolo altare a quel Dio bambino che stava per arrivare.
    E proprio grazie alla presenza di un’effige di Gesù Bambino, la chiesa di Santa Maria in Ara Coeli è carissima al cuore dei romani e dei fedeli di ogni parte del mondo: dalla fine del XIV secolo, infatti, la chiesa ospita una statuetta lignea che raffigura il Bambino Gesù – per i romani «er Pupo» o «er Bambinello» – dispensatore di miracoli e grande beniamino dei bambini, i quali, da tempi immemorabili, si recano dalla notte di Natale fino all’Epifania, al suo cospetto, a leggere pensierini, esprimere desideri e recitare preghiere.

    Il Bambinello – Basilica di Santa Maria in Ara Coeli

    La Chiesa dell’Ara Coeli, come si è soliti chiamarla familiarmente, è dunque una delle più venerabili fabbriche della città.  Già nel 574 la chiesa, denominata allora Santa Maria in Capitolio, era considerata molto antica. Secondo alcune fonti a volerla edificare fu sant’Elena, la madre di Costantino. Secondo altre, papa Gregorio Magno.
    Comunque, in quel VI secolo, annesso alla chiesa c’era anche un convento di monaci greci. Dopo i greci, erano arrivati i monaci benedettini a governare chiesa e convento, i quali, a loro volta, nel XIII secolo, lasciarono il posto ai francescani, l’ordine dei tempi nuovi.
    E mentre le vestigia di Roma antica erano ormai andate in rovina, qualcosa dell’antica gloria del Campidoglio era ancora viva entro le mura della chiesa e del convento: qui gli anziani della città si riunivano per discutere dei loro affari, alla maniera in cui il Senato era solito riunirsi ogni anno nel tempio di Giove, situato nei secoli della Roma antica, sull’altra sommità del colle capitolino.

    Scalinata della Basilica di Santa Maria in Ara Coeli. Si ringrazia “RomaSparita”.

    In un’epoca non precisata, la chiesa, ad un certo punto, cambiò nome: da Santa Maria in Capitolio in Santa Maria in Ara Coeli. Qualche notizia sul motivo del cambiamento si rintraccia nei Mirabilia Urbis Romae, le antiche guide della città famosissime dall’alto medioevo fino al tardo rinascimento.
    Vi si afferma che la chiesa era stata costruita sul sito dove sorgeva il tempio di Giunone Moneta, dove si trovava la zecca romana, donde prese origine la parola moneta ai tempi di Augusto imperatore, che aveva proprio nei pressi del tempio di Giunone uno dei suoi palazzi. Ed era stato proprio in quel palazzo che l’imperatore, «sbigottito che il Senato volesse tributargli gli onori riservati agli dei», aveva interpellato la Sibilla Tiburtina. E la Sibilla così si era espressa: «vi sono indizi che presto dal sole scenderà il Re dei secoli venturi e la vera giustizia sarà fatta». Mentre la Sibilla parlava, l’imperatore vide aprirsi i cieli e scorse una giovane donna che teneva in braccio un bambino ammantato di luce; due voci gridarono dal cielo: «Questa è la Vergine che porterà nel suo grembo il Salvatore del mondo. Questo è l’altare del Figlio di Dio». Allora Augusto eresse un altare nel luogo stesso della visione – l’Ara Filii Dei o Ara Coeli – .
    Parecchi cronisti del Medioevo menzionano questo altare. Un’ulteriore conferma della tradizione si volle vedere in un’antica colonna sulla quale si leggevano le parole a cubicolo Augustorum, ovvero «dalla stanza degli imperatori»: la colonna è la terza nella navata sinistra della chiesa.

    La così detta Colonna di Augusto. Si ringrazia Alvaro de Alvariis.

    Che la tradizione si riferisca al Campidoglio e a Ottaviano Augusto può essere anche dovuto al fatto che nel secolo XI esisteva nella zona dell’Ara Coeli un edificio di mole considerevole noto come camera o palatium Octaviani, nel quale, tra l’altro, fu ospitato un emissario dell’imperatore Enrico III, Rex romanorum dal 1039 al 1056, e dal 1046 imperatore del Sacro Romano Impero.
    Nel transetto sinistro dell’Ara Coeli, entro un tempietto con otto colonne, un’urna di porfido che si dice contenesse le spoglie mortali di sant’Elena, madre di Costantino, poggia su un altare incassato nel pavimento ritenuto proprio l’Ara Coeli fatto costruire da Augusto. Nell’abside un affresco ritrae Augusto e la Sibilla Tiburtina tra i santi e gli angeli, cosa davvero inusitata per un imperatore pagano. In verità questa profezia fu talmente cara ai fedeli romani che le Sibille compaiono tra gli elementi decorativi delle chiese cristiane. Agli albori del XII secolo la chiesa di Santa Maria in Ara Coeli assume, definitivamente, il ruolo di chiesa del popolo romano: è il 1143 quando a Roma ebbe luogo la cosiddetta renovatio Senatus, ossia il rinnovamento dell’antica istituzione in opposizione al potere del sovrano Pontefice, allora era papa Innocenzo II. Un anno dopo fu istituito il Comune di Roma con a capo il potente Giordano Pierleoni, il quale scelse il Campidoglio e quindi l’Ara Coeli come sede dell’istituzione cittadina. E proprio nella chiesa ebbero luogo, per anni, le assemblee dei rappresentanti del popolo. Nel 1250, papa Innocenzo IV decise di affidare chiesa e

    Basilica di Santa Maria in Ara Coeli – Interno.

    monastero ai francescani, i quali ristrutturarono gli edifici che continuarono ad essere oltre che luogo di culto, anche il centro della vita politica del libero comune. I francescani ne cambiarono anche l’orientamento: prima verso i Fori, ora verso la basilica di San Pietro in Vaticano. Una strana commistione tra religione e politica, che però, nonostante tutto, manteneva distinte l’una dall’altra. Nel 1348 si procedette alla costruzione della bellissima scalinata con 122 scalini che ammiriamo ancora oggi, commissionata dal comune come voto alla Madonna affinché ponesse fine alla peste che imperversava in tutta Europa. Ad inaugurare la scalinata fu Cola di Rienzo, tribuno del popolo e grande studioso di antichità romane. Benché non fosse mai stato anticlericale, ma anzi avesse sempre accuratamente coltivato il sostegno papale alle proprie imprese, la figura di Cola di Rienzo fu assai cara all’immaginario risorgimentale e massone, che ne fece l’eroe antesignano di un risorgimento di Roma rimasto incompiuto. Ma tornando alla nostra chiesa, va ricordato che proprio entro le sue mura Francesco Petrarca fu laureato poeta nel 1341. E che, nel 1571, vi fu celebrato il trionfo di Marcantonio Colonna, comandante della Lega cattolica contro i Turchi a

    Una Processione a Santa Maria in Ara Coeli – Oswald Achenbach.

    seguito della sua vittoria nella battaglia di Lepanto: lo straordinario soffitto dell’Ara Coeli ne ricorda la celebre vittoria. Sempre qui, dal XIV al XIX secolo, si celebrava il Te Deum di ringraziamento del popolo romano alla presenza del Papa. Nonostante il carico di storia e di tradizioni che questa chiesa vanta, il vero motivo per cui è famosa in tutto il mondo è la presenza del Bambinello, una scultura di Gesù Bambino intagliata nel XIV secolo da un frate francescano nel legno d’ulivo proveniente dal Getsemani. Tranne che nel periodo delle feste natalizie, durante le quali viene trasferita nel presepe allestito in una cappella della navata sinistra, la sacra effige viene conservata in una custodia di vetro posta sull’altare di una piccola cappella accanto alla sacrestia. Purtroppo, la statuetta fu rubata nel febbraio del 1994 e mai più ritrovata. Al suo posto fu posta una copia che ha continuato a elargire tante e tante grazie: nella cappellina due grandi contenitori di vetro pieni zeppi di lettere spedite da bambini e da fedeli di tutto il mondo contenenti le richieste di miracoli. Spesso sono indirizzate semplicemente «Al Bambino, Roma». I foglietti, poi, vengono bruciati senza che siano stati aperti dai padri francescani, i quali non si intromettono in quello stupendo dialogo tra Gesù e i suoi piccoli. Molte volte, prima di quel 1994, si è tentato

    Basilica di Santa Maria in Ara Coeli – Giovan Battista Piranesi.

    di rubare il Bambinello: nel febbraio del 1794, una donna se lo portò a casa e lo sostituì con una copia perfetta. Ma a mezzanotte dello stesso giorno, le campane dell’Ara Coeli si misero a suonare e alle porte del convento i francescani ritrovarono il Santo Bambino che fu subito rimesso al suo posto, mentre la copia andava in mille pezzi. E poco prima di quel febbraio del 1994, giorno del furto definitivo, qualcuno si portò via gli ori e i gioielli che ricoprivano la statuetta. Dopo alcuni mesi, i fedeli di ogni parte del mondo ne donarono altrettanti. Molti sono i malati che, ancora oggi, chiedono ai padri francescani di poter vedere e toccare il Bambinello: e allora ecco che la statuetta lascia la sua cappellina per andare in visita a chi ne ha bisogno. Oggi i trasferimenti avvengono il più delle volte in taxi. Ma per secoli si è utilizzata una bellissima carrozza e successivamente un’automobile cardinalizia. A tal proposito a Roma rimane famoso l’episodio di quando alcuni soldati fermarono un’automobile cardinalizia che tentava di attraversare Piazza Venezia mentre Benito Mussolini teneva un discorso. Appena si accorsero che trasportava il Santo Bambino al capezzale di un malato, la lasciarono proseguire immediatamente. Si spera sempre che la statuetta rubata possa tornare prima o poi al suo posto. Anche se pare che il Signore non sembra curarsi troppo del dettaglio, continuando a elargire con larghezza la sua grazia attraverso la semplice copia.

    Roma, 13 dicembre 2019

  2. Le “Madonnelle stradaiole”, la religiosità popolare romana

    Chi di noi non si è imbattuto passeggiando per i vicoli o le strade meno trafficate di Roma nella vista improvvisa su un muro o agli angoli di un palazzo storico di una Madonna dipinta sotto un baldacchino? Le “madonnelle stradarole”, così vengono chiamate a Roma le edicole sacre, sono il simbolo e, al tempo stesso, la testimonianza di una religiosità popolare, di strada e di quartiere, e più in generale di un modo di vivere la città.
    A volte hanno avuto un’importanza così alta al punto da essere trasferite all’interno delle basiliche per essere onorate in modo ufficiale e da tutta la città, come la Madonna di Strada Cupa, un’edicola che stava ai piedi del Gianicolo, trasferita nel 1625 nella basilica di Santa Maria in Trastevere in una cappella costruita appositamente a riconoscimento dei molti miracoli che aveva compiuto.
    Le edicole romane rappresentano un’immagine sacra, prima fra tutte Maria, principale protettrice dei cristiani e mediatrice presso suo figlio Gesù, ritratto come il Salvatore. Proprio nella più antica edicola rimasta nel cuore di Roma, in via dei Cappellari, risalente al secolo XIV, è raffigurata una Crocefissione e la figura del Salvatore è presente anche in altre, mentre il soggetto più diffuso è quello della Madonna della Pietà o la Madonna Addolorata o le Madonne con il bambino. Le immagini sono contenute in una forma che può essere un semplice medaglione con cornici a stucco, decorato al massimo con qualche nastro, alle forme più complesse dove sono presenti pilastri, cherubini e putti, ecc., che insieme – in epoca barocca – davano vita a composizioni spettacolari e scenografiche. Altro elemento che caratterizza le edicole sacre romane è il baldacchino, realizzato quasi sempre in metallo a forma di tenda e a spicchi, arricchito da un orlo a frange e fiocchi.

    San Francesco a Ripa.

    «Credo che prima ancora del sentimento religioso», scrive Giuseppe De Fiori nel volume “Le vie di Roma – Le edicole sacre”, Bonsignori Editore, «sia stata la necessità di illuminare gli angoli bui di una Roma rinascimentale violenta, popolata di agguati ed assassinii, a porre sui cantoni dei palazzi, ai crocevia delle strade strette e malsicure, un lume, che forse proprio perché destinato alla Madonna, veniva rispettato più di un semplice lampione». Questo perché l’edicola si pone al centro di uno spazio che non è solo sacro, ma anche profano all’interno del quale assume un valore proprio rispetto al rione, trasformando situazioni potenzialmente critiche, luoghi di passaggio o di “margine”, in uno spazio sicuro, svolgendo così una funzione di salvaguardia dell’ordine costituito. Non a caso le edicole si trovano ai confini tra rioni e agli incroci, luoghi che era necessario proteggere, quasi che l’uomo avesse bisogno di consacrare la città per difenderla dai pericoli interni ed esterni. Come scrive lo storico Francesco Pitocco in “Le vie di Roma – Le edicola sacre” «le edicole romane acquistano il loro valore proprio dal rapporto con il loro “bacino d’utenza” culturale, rione o quartiere che sia; rapporto vissuto privatamente dai singoli, ma anche gestito e organizzato collettivamente da confraternite o congregazioni varie, prima fra tutte quella di San Filippo Neri, che segnano nelle immagini votive il segni del possesso di un’area della città, al contributo da famiglie aristocratiche, al decoro urbano, attraverso la collocazione di una madonnella sul palazzo o sulla chiesa familiare».

    Santa Maria in Portico.

    Chi veniva in visita a Roma non poteva non rimanerne colpito. Il filosofo e scrittore francese Ernest Renan scriveva al suo amico Marcelin Barthelot in una lettera del 1849: «Dopo un quarto d’ora che camminate per Roma siete subito rapiti dalle tante immagini che si accumulano prodigiosamente: quadri, statue, chiese, monasteri, dovunque, ma non vi riscontrate mai niente di banale o di volgare: ovunque c’è invece la presenza dell’ideale». Le edicole sacre non sono solo una testimonianza religiosa, dunque, ma anche un prezioso documento di arredo urbano dalla fattura preziosa, avvolte da un alone di romanticismo che ci riporta al passato e all’identità romana anche se oggi, travolte da un caos che non apparteneva alle loro origini, spesso non si notano, rischiando di smarrire un’identità collettiva.
    La loro origine si fa risalire addirittura alla Roma di Servio Tullio, sesto re di Roma, tra il 578 avanti Cristo e il 539 avanti Cristo, nate con la funzione di proteggere le regioni e i quartieri in cui era stata suddivisa. Erano molte e “gestite” da corporazioni religiose che celebravano riti propiziatori e organizzavano feste, anche per gli schiavi, e giochi. Al tempo di Augusto erano 265 e sotto Costantino 423. «I compita Larum», così si chiamavano le edicole sacre dei romani antichi, – scrive Laura Cardilli ne “Le vie di Roma – Le edicole sacre” – «erano costituiti da piccoli recinti dapprima a cielo aperto con ingressi a seconda delle strade al cui intersecarsi si trovavano, con sedili per gli offerenti, che ospitavano presso l’ara l’immagine della divinità, i devoti vi appendevano per offerta vari oggetti che consentivano tra l’altro di effettuare il censimento della popolazione sia schiava che libera».

    Via Acerbi.

    Il trascorrere dei secoli non ha cancellato usi e riti che si consumavano ai piedi delle madonnelle, tutt’altro. Essi sono sopravvissuti in maniera persistente in epoche diverse e lontane tra loro. È il caso di molte edicole, soprattutto rinascimentali, realizzate secondo i canoni classici come l’“edicola di ponte” di Antonio di Sangallo il Giovane per l’edificio in via dei Coronari-angolo vicolo Domizio e affrescata con L’Incoronazione della vergine da Perin del Vaga o l’edicola nei pressi del crocevia della via Appia con il vicolo della Caffarella, fatta costruire a pianta circolare alla fine del Cinquecento dal cardinale inglese Reginald Pole, tra i maggiori protagonisti dell’età della Controriforma, che soggiornò in Italia – e a Roma – per molti anni.
    Nel Settecento la devozione verso le madonnelle si accentua ancor più con la nascita del fenomeno dei “miracoli mariani” del 1796 – 1797, verificatisi a ridosso della proclamazione in Campidoglio della Repubblica filo francese,15 febbraio 1798. A Roma il primo movimento degli occhi della Madonna si manifesta il 9 luglio del 1796 nella Madonna dell’Archetto, una piccola madonnella stradarola del rione Trevi, già dal secolo precedente oggetto di culto per i suoi miracoli. Il 1796 fu un anno dei molti prodigi. Gaetano Palma, procuratore generale della congregazione dei Pii Operai, così descrive quanto accadde all’immagine di Maria di vicolo delle Muratte nel luglio del 1796, come riporta Massimo Cattaneo nel libro “Le vie di Roma – Le edicole sacre”: «Se è lecito che io manifesti il giudizio da me formato sopra li suddetti diversi movimenti degli occhi di quell’Immagine, che da me fu esternato in tal occasione, e lo espressi ad alcune pie Persone, che me ne interrogarono, dirò di avere io creduto, che, la mossa perpendicolare degli occhi significasse, che la SS.ma Vergine portasse all’Eterno Padre le preghiere dei di lei divoti; Colla mossa poi orizzontale ci volesse dare ad intendere il suo amore verso i medesimi divoti, mostrando con quel giro d’occhi, che lei teneva a sé presenti tutte quelle Persone, che ivi si trattenevano a venerarla, ed indicando, che le teneva sotto la sua valevolissima protezione».
    Il biennio repubblicano è per le edicole sacre motivo di scontri tra le nuove istituzioni e coloro che – soprattutto nei rioni popolari romani – difendono la loro presenza. Famosa, e particolarmente sanguinosa, è la rivolta del 25 febbraio 1798 a Trastevere, dove trasteverini, monticiani, regolani e borghigiani si rifiutano più volte di levare le immagini sacre dalle strade, così come ordinato dal governo repubblicano. I romani continuano, al contrario, a radunarsi vicino alle madonnelle, rinnovando l’importanza che questi spazi esterni avevano anche sul piano dell’identità religiosa. I pochissimi irriducibili lanciano sulle immagini sacre di strada sterco e sassi, contestando così contro la politica moderata che nuovo governo aveva nei confronti anche del potere religioso.
    Anche nella prima metà dell’Ottocento le edicole tornano protagoniste della vita cittadina, questa volta nei confronti della rivoluzione industriale, documentando la resistenza verso ogni innovazione, persino verso i progetti dell’illuminazione della città. Accadde che il popolo mostra il suo grande attaccamento alle madonnelle anche quando le nuove autorità vogliono dotare Roma di un sistema di illuminazione pubblica, che segue quello già realizzato nelle grandi città europee. I romani considerano l’introduzione dei lampioni come un oltraggio alle immagini di Maria, dato che i lumini apposti accanto ad esse rappresentano l’unica fonte di luce nei bui angoli delle strade di Roma. A nulla servono gli editti delle autorità: il popolo preferisce sempre pagare delle multe piuttosto che asservirsi alle nuove disposizioni in materia di illuminazione pubblica, tanto che persino Stendhal, nelle “Passeggiate romane”, scritte tra il 1827e il 1828, parla della funzione delle madonnelle come elementi d’illuminazione della città.
    Ma la modernità fa il suo corso nonostante tutto. Le lampade vengono collocate davanti l’immagine votiva, divenendo elemento artistico: «i due fanali di ferro tutti intagliati con li ampioni» della madonnella della facciata su via del Plebiscito del palazzo Doria Pamphilj, come descritti nella “Nota della spesa fatta nella nuova immagine della SS.ma Vergine” ne sono un esempio.

    Quartiere Coppedè.

    E così passano i secoli, ma loro, le madonnelle stradaiole, sono sempre lì a guidare il corso della vita rionale romana. E ancora oggi «la devozione è tanta, nei vicoli di Trastevere alle prime luci dell’alba tornano a casa le professioniste della notte: sole o in coppia, si segnano devote davanti alla madonnella sull’angolo, e ora, sulla soglia di casa, sembrano aver perduto volgarità e spavalderia», come afferma Giuseppe De Fiori ne “Le vie di Roma – Le edicole sacre”. A testimonianza che le madonnelle non rappresentano solo la memoria in città, ma sono ancora oggetti fortemente vivi.

    Roma, 21 luglio 2019

  3. Santa Maria dell’Anima, la chiesa della Nazione tedesca

    Con la “tedesca” Santa Maria dell’Anima inizia un nuovo itinerario alla scoperta delle chiese nazionali presenti a Roma.

    Santa Maria dell’Anima – Roma.

    Intanto, cosa sono esattamente? Va ricordato sempre che una nota caratteristica di Roma è costituita dalla sua universalità, cioè non solo dal suo essere sempre stata aperta all’accoglienza più cordiale di tutti i forestieri, ma dall’aver ospitato consistenti colonie permanenti raccolte attorno a proprie particolari istituzioni e finanche riconoscibili da proprie specifiche attività.
    Se questo si verificò fin dai primi tempi cristiani con la creazione di scholae aventi carattere di culto, di assistenza e perfino militare, si accentuò nell’epoca rinascimentale e barocca quando gli apporti demografici da altre terre si fecero sempre più consistenti, anche in relazione alle grandi opere artistiche che richiesero la collaborazione degli uomini più geniali ed industriosi. La presenza a Roma delle nazioni straniere riguardò soprattutto quei paesi che ebbero più radicati rapporti con il centro della cattolicità. Sia per la fedeltà religiosa della propria gente, sia per la politica di potenza che furono indotte a svolgere nella capitale del mondo antico e medievale e nel centro della Controriforma. Intendiamo i Paesi dell’impero germanico, la Francia, la Spagna e prima della Riforma, l’Inghilterra. Questi Paesi edificarono a Roma grandi chiese, ebbero centri culturali, ospedali e luoghi di sepoltura ed un complesso di proprietà che parzialmente sussistono. Insomma, per tutti questi Paesi, Roma rappresentò e rappresenta ancora oggi, una communis patria.

    Santa Maria dell’Anima – Roma.

    E dunque, ecco Santa Maria dell’Anima al rione Parione, la chiesa nazionale di tutti i cattolici di lingua tedesca, in pratica di tutti gli originari delle terre che appartennero all’impero germanico e poi, dopo la Riforma, soprattutto degli originari dei territori asburgici.
    Essa è stata ed è al centro di un complesso di organismi di assistenza, sovvenuti da larghe proprietà che hanno fatto del nucleo tedesco una delle colonie più solidamente installate nella città. Chiesa e ospizio relativo presero origine da una costruzione iniziata dopo il giubileo del 1350 su alcune case che due ricchi pellegrini germanici avevano acquistato a tale scopo. L’istituzione andò sviluppandosi nel corso del tempo finché la rivolta luterana le assestò un duro colpo di arresto.
    L’ hospitale pauperum alemanorum dovette concentrare le proprie forze, assorbendo altre iniziative assistenziali parallele, come quella dei garzoni fornai, curiosamente, molta immigrazione tedesca era costituita da panettieri.Tomba del papa Adriano VI - Baldassarre Peruzzi.
    Finalmente, nel 1806, Francesco I d’Austria riordinò l’Istituzione in maniera radicale, al punto di poter parlare di una seconda fondazione. Attualmente essa prosegue nella sua attività con il titolo di Pontificio Istituto Teutonico di Santa Maria dell’Anima, avvalendosi di ancora consistenti proprietà sparse per Roma. La chiesa venne ricostruita nella forma attuale in occasione del giubileo del 1500 per iniziativa del vescovo Johannes Burchardus, italianizzato in Burcardo, lo stesso del palazzetto del Burcardo a Largo di Torre Argentina.
    Si dovette sottostare a gravi limitazioni di spazio e, pur con l’intervento di artisti italiani quali, con molta probabilità anche Bramante e Sansovino, ci si rifece al gusto tedesco. Questo è soprattutto attestato dal corpo della chiesa concepita come una grande sala a tre navate della medesima altezza — ciò che determina la foggia quadrangolare della facciata — e dalla esile cuspide del campanile, rivestita a ceramiche.
    La facciata, per la quale si è fatto il nome di Giuliano di Sangallo, ha un coronamento orizzontale ed è divisa in tre ordini ripartiti da lesene con scarso rilievo. I tre portali con belle forme classicheggianti, inquadrati da colonne scanalate che sorreggono un timpano, sono attribuiti ad Andrea Sansovino il quale ha anche scolpito il rilievo sul portone centrale

    Pietà – Lorenzetto.

    raffigurante la “Madonna fra due anime purganti”, da ciò il nome della chiesa e della strada. Le due parti superiori della facciata sono caratterizzate da tre finestroni e più in alto da una finestra tonda affiancata dagli stemmi dell’Impero e di Adriano VI, maestro e consigliere di Carlo V, che fu l’ultimo papa non italiano, prima della successione esclusiva di papi italiani interrotta soltanto nel 1978 con la elezione del papa polacco Giovanni Paolo II.
    L’interno della chiesa, altamente suggestivo, è dominato da pilastri alti e sottili di tipo cruciforme, che suddividono lo spazio dell’aula in tre navate: questa architettura viene attribuita ad un artista nordico, peraltro sconosciuto. Sui lati vi sono quattro cappellette per parte, ricche di opere d’arte, fra le quali una “Deposizione” e affreschi di Francesco Salviati, un gruppo di “Pietà” del Lorenzetto, terminato da Nanni di Baccio Bigio, una scultura lignea di scuola tedesca con “Sant’Anna, Madonna e Bambino” e “Storie della Vergine” affrescate da Sermoneta.
    Importanti monumenti funebri attestano la presenza tedesca in Roma. Il più significativo è il monumento di Adriano VI a destra del presbiterio, con architettura di Baldassarre Peruzzi e Michelangelo Senese. E l’opera più

    Cappella di San Lamberto – Jan Miel.

    importante della chiesa: la pala d’altare di Giulio Romano raffigurante la Madonna col Bambino in conversazione con i santi Marco e Giacomo, patroni, per omonimia, del committente Jacob Fugger — banchiere tedesco, ed il principale imprenditore tedesco dell’inizio dell’Età Moderna — e dei due Markus Fugger, entrambi morti a Roma. La pala era stata dipinta in origine per la cappella che Jacob detto “il ricco”, aveva fatto erigere per i suoi congiunti in Santa Maria dell’Anima. Fuspostata all’altar maggiore a fine Seicento per risparmiarle ulteriori danneggiamenti conseguenti alle inondazioni del Tevere. In tempi moderni è stata restaurata nel 2007.
    All’esterno va notato il campanile del 1502 con bifore rinascimentali e con pinnacoli e cuspidi goticizzanti. In via dell’Anima, a sinistra della Chiesa, si trova la “Casa Sander” del 1508, la quale, benché troppo restaurata nel 1873, presenta una bella facciata con portone a lesene e a centina, finestre centinate e, in alto, archi che inquadrano le finestre, ma soprattutto fasce di graffiti e tutta una serie di motti e sentenze. La casa è legata fin dall’origine a funzioni di ospitalità per pellegrini germanici.

    Roma, 4 dicembre 2019

  4. Basilica di Santa Francesca Romana o di Santa Maria Nova

    La basilica vanta una doppia dedicazione: a Santa Francesca Romana, perché qui è sepolta, dal 1440, la grande santa romana; e a Santa Maria Nova, eretta nella seconda metà del IX secolo sulle rovine di Santa Maria Antiqua, una chiesa del VI secolo crollata in seguito ad un terremoto:

    Santa Francesca Romana – visione dal Foro Romano.

    preziosissimo gioiello di architettura e pittura cristiana, alle pendici del Palatino, da qualche anno riaperta al pubblico dopo decenni di restauri.
    Santa Francesca Romana/Santa Maria Nova sorge dove nell’antichità si alzava il colossale Tempio di Venere e Roma, fatto costruire dall’imperatore Adriano nel 135.
    Il tempio si trovava nel punto in cui si trovava l’atrio della Domus Aurea con il famoso Colosso, la gigantesca statua di Nerone che secondo alcuni studiosi avrebbe dato il nome al Colosseo e che fu fatta spostare proprio da Adriano per erigere il tempio. Dell’antico tempio si possono ancora vedere esternamente le colonne intorno all’area della chiesa.
    Per edificare, dunque, Santa Maria Nova venne incorporato un precedente Oratorio dei SS. Pietro e Paolo che, dal secolo precedente, si era inserito proprio dentro il porticato del Tempio di Venere e Roma in corrispondenza con la cella della Dea Roma. L’oratorio sarebbe sorto sul posto della singolare disfida a volare lanciata dallo eresiarca Simon Mago contro

    Santa Francesca Romana – Interno.

    l’apostolo Pietro. La preghiera di questi avrebbe ottenuto di far precipitare a terra Simone che si era librato in aria per arti magiche. La chiesa venne ricostruita nel 1216 da Onorio II e nel 1615 ricevette la bianca facciata di travertino con un timpano ornato di statue, opera di Carlo Lambardi. Il campanile romanico, del XII secolo è alto 42 metri, è ornato a ciotole di maiolica e ha negli ultimi tre piani a doppie bifore, in alto c’è una piccola edicola.
    Dal Seicento — in seguito alla avvenuta traslazione dal monastero di Tor de’ Specchi del corpo di santa Francesca Romana, una Bussi, sposa di un Ponziani, che in quella chiesa aveva fondato le sue “oblate” — la chiesa ha cambiato il nome. E poiché la santa è stata proclamata patrona degli automobilisti, nacque, qualche decennio fa, la consuetudine — oggi dimenticata — di benedire, ogni anno, il 9 marzo, festa di Francesca Romana, le automobili radunate sul piazzale del Colosseo.
    Dopo la liberazione della zona del Foro da tutte le costruzioni e dalle sovrastrutture che l’avevano invasa nel corso dei secoli, questa chiesa, insieme con la meravigliosa Santa Maria Antiqua, è ormai l’unica

    Santa Francesca Romana – Mosaico dell’abside.

    sopravvivenza di costruzione non di epoca classica e la più visibile testimonianza dei secoli cristiani al cospetto dell’antico Foro.
    Tuttavia la nobiltà delle sue linee, lo snello e forte campanile dei tempi più ferrigni e l’ariosa facciata dell’epoca barocca la inseriscono nell’ambiente secondo una superiore armonia. La facciata luminosa si erge su un profondo porticato, creato alla maniera di un protiro davanti al corpo della vecchia chiesa. La parte centrale di essa si stacca dalle due ali, che sono segnate dalla voluta delle statue, ed appare come un corpo leggermente avanzato. Esso è costruito da due gigantesche coppie di lesene che si alzano fino al timpano coronato da tre statue. Fra le lesene è inserita con un forte effetto di chiaroscuro una zona costituita da un alto arcone e da una loggia sovrapposta.
    L’interno, dalla semplice pianta, con cappelle laterali che fiancheggiano una aula piena di decorazioni e di colore, si apre come un luogo estremamente accogliente per chi proviene dalla distesa delle antiche rovine del Foro.
    La piacevole sensazione di insieme è data dal seicentesco soffitto a

    Madonna Odigitria – Santa Francesca Romana.

    cassettoni policromi cui corrisponde, al centro del pavimento, un ampio riquadro cosmatesco, residuo della schola cantorum, dalla confessione a marmi policromi, realizzata da Bernini fra il 1638 e il 1649, e dallo sfolgorante brano di mosaico rimasto nel catino absidale. Questo raffigura la “Vergine in trono con il Bambino”, affiancata da Santi e risale al 1161, dimostrando una scioltezza di movimento che sta per liberarsi dalla rigidità bizantina. Il mosaico è quanto avanza dalle abbondanti decorazioni musive che rivestiva l’intera abside e l’arcone trionfale e che è sostituita attualmente da affreschi seicenteschi nell’abside e ottocenteschi, di Cesare Maccari, nell’arco.
    Sulla destra del presbiterio molto elevato — al quale si accede con due rampe barocche — è sito il sepolcro eretto dal Popolo Romano nel 1584 a papa Gregorio XI che riportò da Avignone a Rona la sede del papato. Qui vicino si mostrano due pietre di basalto con le impronte che vi avrebbe lasciato san Pietro inginocchiato per chiedere la punizione del Mago, fonte di scandalo.
    Nel tabernacolo dell’altar maggiore è collocata un’immagine della Madonna del XII secolo, ritrovata sotto le ridipinture ottocentesche di una tavola giunta dall’Oriente. Ma la stessa immagine è stata a sua volta distaccata nel 1950 dal geniale restauratore Pico Cellini, che riconobbe un’altra immagine sottostante, di epoca ancora più antica: nientemeno del secolo V.

    Santa Francesca Romana.

    Quest’immagine rappresenta il vero tesoro, inestimabile, della Basilica: si tratta della icona che rappresenta la Vergine Odigitria, cioè “colei che indica la strada”. E la strada, la via, la verità e la vita è quel Gesù Bambino che tiene in braccio.
    Così racconta Pico Cellini, scomparso nel 2005, il momento del riconoscimento dell’antichissima icona. Di questa “avventura”, come la definisce Cellini, il decano dei restauratori italiani scomparso nel 2005, parla in un’intervista rilasciata nel 1990. Nell’anno santo del 1950 gli viene affidato l’incarico di restaurare un’antica icona della Vergine Maria presente nella chiesa di Santa Francesca Romana. Un’immagine «molto rimaneggiata e ridipinta lungo i secoli», ricorda. Che presentava una particolarità: «I volti della Madonna e del Bambino tendevano a staccarsi dalla tavola».
    «Quale studioso di immagini mariane e profondamente devoto della Madonna», ricorda il restauratore, egli fu «ben felice» dell’incarico, come anche del fatto che gli fu data licenza di portare l’immagine sacra a casa.

    Santa Francesca Romana.

    «Qui, prima di incollare l’immagine al supporto, volli verificare se era vero, come sospettavo, che la causa del distacco fosse da ricercare in uno strato sottostante di pittura diverso per natura e colore. Con infinita cura riuscii a staccare i bordi dei due volti, che stranamente apparivano isolati rispetto al resto del dipinto, e una volta sollevato quella specie di coperchio, per poco non mi prese un accidente: sotto la testa della Vergine ne emerse infatti una seconda, enorme, con due grandi occhi dallo sguardo ipnotico. Era il volto, mirabilmente intatto, di un’immagine molto più antica di quella attribuita all’inizio del XII secolo, che traspariva sotto le grossolane ridipinture ottocentesche: per la tecnica ad encausto su tela di lino e altre caratteristiche che non sto qui ad elencare, fui in grado di datarla addirittura al primo quarto del V secolo. Essa rispecchiava una tecnica raffinatissima e una committenza prestigiosa, quella della stessa corte imperiale di Bisanzio: era una immagine carica di arte, di fede e di storia giunta in Occidente attraverso chissà quali tumultuose vicende. Spesso mi son chiesto come mai questa Madonna produce una tale emozione, specie in chi la contempli per la prima volta. La spiegazione, forse, è in quei grandi occhi dalla pupilla dipinta in nero, colore che – secondo i canoni dell’arte ellenistica – indica il limite

    Santa Francesca Romana.

    della conoscenza. Quello di Maria non è uno sguardo rivolto all’esterno, ma è tutto interiore: attinge l’abisso dell’inconoscibile, in cui dimora Dio, abisso che lei sola vede». Dopo il ritrovamento dell’icona, il grande restauratore si recò ogni domenica nella basilica di Santa Francesca Romana per assistere alla messa, per poi raccogliersi in preghiera davanti all’immagine. E “presentare” ai fedeli convenuti quel volto della Madonna rimasto celato a tante generazioni, i cui grandi occhi avevano svelato d’incanto gli ultimi segni della bellezza antica e i tratti somatici della Vergine Maria descritti da san Luca nel suo vangelo, autore, secondo la tradizione, di molti suoi ritratti. A confermare la datazione e la provenienza dell’immagine entrò in gioco un altro mostro sacro: Margherita Guarducci, epigrafista greca di fama mondiale e accademica dei Lincei, che da lì a poco avrebbe rintracciato le reliquie di san Pietro nella necropoli vaticana. In breve, la studiosa osservò come l’icona apparsa alla luce presentasse caratteristiche che si ritrovavano stranamente in un’altra famosa immagine, ritenuta perduta: quella della Madona Odigitria di Costantinopoli, creata tra il 438 e il 439 quale tipo ufficiale di Maria Madre di Dio, una definizione che era emersa e consegnata alla Chiesa nel Concilio

    Santa Francesca Romana.

    di Efeso del 431. Un’immagine, quella di Costantinopoli, che la tradizione attribuiva all’iconografia propria dell’evangelista Luca, e fatta realizzare in Palestina – ad encausto e su disco ligneo – da Eudocia, moglie dell’imperatore Teodosio II. Notevole anche il fatto che le dimensioni dell’icona costantinopolitana corrispondessero a quelle romane.
    Ma c’era di più: pare che gli imperatori dell’Occidente avessero portato a Roma, sempre nel 439, una copia su tela della Odigìtria, eseguita sull’impronta rovesciata – ottenuta per calco speculare – dell’originale. Da questo calco deriverebbe dunque l’immagine romana, che infatti vede invertita la posizione del Bambino Gesù: sul braccio destro di Maria invece che sul sinistro, come normalmente rappresentato. Proseguendo le sue ricerche, la Guarducci si imbatté in una splendida ed enorme icona mariana esistente a Montevergine, celebre santuario dell’avellinese. L’opera, eseguita tra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo, raffigura la Madonna in trono col Bambino e presenta una particolarità: la testa di Maria è leggermente sporgente dal resto della tavola e inclinata verso chi osserva dal basso.

    La Basilica di Massenzio e Santa Francesca Romana – Canaletto – 1753/1754.

    Esami condotti tra il ’60 e il ’61 accertarono che essa è dipinta su un disco di legno di tipo diverso dal resto della tavola, e che dal dipinto medievale traspaiono tracce di una pittura più antica. E in effetti, una tradizione risalente al ’500 vuole che questa sia l’autentica testa della famosa Odigìtria perduta, in realtà trafugata da Baldovino II, ultimo imperatore latino d’Oriente, allorché fuggì da Costantinopoli nel 1261. Il volumetto La più antica icona di Maria della Guarducci documenta la singolare scoperta: «A Montevergine rimane la testa autentica della Odigìtria, se pure sotto il velo della pittura medievale; a Roma splende la medesima testa, nella copia fedele che subito ne fece, “in controparte”, un grande artista di Costantinopoli. Fra Oriente e Occidente si pone ora, quale prodigioso vincolo di pace, la più antica icona di Maria, che dell’Oriente e dell’Occidente ha ricevuto, per tanti secoli, la fervida preghiera». L’antichissima immagine dell’Odigitria è esposta nella sagrestia della basilica di Santa Francesca Romana. Non sorprende che fu proprio ai piedi di tale icona che, il 15 agosto 1425, santa Francesca Romana e le sue prime compagne fecero la loro oblazione al Signore. Alla morte della santa, il suo corpo fu deposto nella cripta della chiesa, che da quel momento prese anche il nome della veneratissima Francesca, come è più nota oggi, compatrona di Roma insieme a Pietro, Paolo e Filippo Neri.

    Roma, 20 novembre 2019