San Pietro in Montorio e il tempietto del Bramante al Gianicolo

Gianicolo e Montorio, due nomi per un unico colle, che ne indicano due aspetti diversi.

Panorama di Roma dal Gianicolo. Sullo sfondo a sinistra si scorge il sistema dei monti Sabini – Lucretili, al centro i monti Tiburtini – Prenestini e sulla destra i Colli Albani.

Uno certamente legato alla tradizione più antica della fondazione della città di Roma. Secondo alcuni autori latini, racconto poi ripreso da Virgilio, infatti, il nome di Gianicolo è da ricondurre al fatto che vi si praticasse il culto di Giano, antico re del Lazio, che avrebbe fondato la sua città proprio sul colle, ove avrebbe accolto e nascosto Saturno cacciato dal cielo, prima che questi costruisse la rocca del Campidoglio.
Di fatto di questa prima fondazione non vi è alcuna traccia, così come non vi è attestata nessuna presenza di un tempio dedicato a Giano, se si eccettuano i resti di un piccolo sacello dedicato a suo figlio Fons, presso cui la tradizione poneva anche il sepolcro di Numa.
Esiste poi la possibilità, attestata da almeno tre epigrafi, che sul colle ci fossero septem pagi, cioè sette villaggi, in epoca pre romana, che furono sopraffatti dagli Etruschi. Secondo alcuni autori gli abitanti di questi sette insediamenti avrebbero poi attraversato il Tevere, raggiungendo la riva sinistra, contribuendo così alla fondazione della città sui colli. Secondo Plutarco questi septem pagi erano sette villaggi che Romolo avrebbe avuto dai Veienti dopo la loro sconfitta insieme all’accesso e al controllo delle Saline presso la foce del Tevere.

Una delle fornaci in funzione fino ai primi anni Sessanta del Novecento.

Secondo Festo, il nome di Gianicolo sarebbe da derivare da ianua, ovvero porta. Il colle sarebbe quindi stato nominato così per il suo ruolo di raccordo e passaggio per l’Etruria. E’ noto che il colle e la pianura di Trastevere appartennero per qualche tempo agli Etruschi, e quando il Gianicolo fu conquistato dalle tribù latine, Anco Marcio, secondo la tradizione riportata da Livio, vi costruì una rocca dalla quale, issando un drappo rosso, veniva segnalato tempestivamente alla città l’arrivo dei nemici. In questa maniera si aveva il tempo di opporre una prima resistenza, a cui seguiva l’efficace difesa delle tribù romane del territorio dei colli sull’altra riva del Tevere.
Il presidio militare veniva rafforzato quando nel Campo Marzio si tenevano i comizi centuriati ai quali partecipavano tutti gli uomini atti alle armi e la città rimaneva per questo motivo senza difesa.
Quest’accorgimento non impedì tuttavia i ripetuti attacchi da parte degli Etruschi alla città, il più noto dei quali è quello che vide Orazio Coclite combattere gli Etruschi di Chiusi guidati dal loro lucumone Porsenna sul ponte Sublicio, mentre questo veniva smontato alle sue spalle.
Ma anche quando il pericolo etrusco cessò, dopo la presa di Veio, nel 396 avanti Cristo, il Gianicolo mantenne ugualmente la sua funzione strategica. Durante le guerre civili, che segnarono la fine della repubblica, i partiti se ne contesero il possesso e di lì Mario e Cinna intrapresero l’assalto a Roma, che si concluse con le stragi dei sillani.

Un convoglio passa sul ponte ferroviario della Valle delle Fornaci.

Quando divenne concreta la minaccia dei barbari, Aureliano incluse il Gianicolo nel sistema difensivo della città, le Mura Aureliane costruite tra il 270 e il 275 dopo Cristo. Nel caso del Gianicolo il sistema difensivo iniziava al ponte di Agrippa, attuale ponte Sisto, correva poi parallelamente all’attuale via Garibaldi, saliva fino all’attuale porta San Pancrazio, una volta detta Aurelia, e quindi ridiscendeva congiungendosi alla Porta Portese, quella romana, che era situata un centinaio di metri più avanti di quella attuale.
Questo sistema difensivo, che aveva il compito di proteggere anche Trastevere, rimase inalterato fino al 1642 quando Urbano VIII volle fortificare ulteriormente queste strutture difensive a seguito dell’esito negativo della guerra di Parma contro i Farnese. In questa occasione le mura vaticane furono collegate con queste del Gianicolo e quindi alla Porta Portese che nel frattempo venne arretrata e spostata nella posizione attuale.
Si hanno testimonianze molto chiare del fatto che il Gianicolo sia stato sempre scarsamente abitato e questa condizione viene messa in relazione con il fatto che sul colle scarseggiava l’acqua da bere. Augusto infatti costruì l’acquedotto, nel 2 avanti Cristo, che portava l’acqua Alsienita, ovvero

San Pietro in Montorio – Facciata.

l’acqua del lago di Martignano citata erroneamente anche nell’iscrizione del Fontanone, che era però non potabile e che veniva utilizzata solo per irrigare gli orti, in particolare quello di Cesare dove egli aveva liberato la mandria che aveva attraversato con lui il Rubicone e quindi considerata sacra, e la naumachia, che probabilmente veniva costruita in piazza di San Cosimato.
Nel 109 dopo Cristo Traiano fece costruire un nuovo acquedotto che proveniva da Bracciano, aveva una mostra dell’acqua all’altezza dell’attuale Villa Sciarra e faceva arrivare in città, in particolare a Trastevere, dell’acqua potabile. Questa stessa acqua alimentava i mulini e diverse attività artigiane che a partire dal governo di Traiano caratterizzarono l’area di Trastevere.
Quando i barbari di Vitige e Belisario tagliarono gli acquedotti, anche quello di Traiano venne interrotto e l’acqua non alimentò più né Trastevere, né i mulini. Ma nel Medioevo la vita della città si addensò lungo il corso del fiume e anche i mulini si trasferirono sul Tevere, caratterizzando il paesaggio romano fino alla costruzione dei muraglioni, quando vennero tutti smantellati. I mulini rimasero quindi in uso fino alle fine dell’Ottocento.

Primo itinerario di Einsiedeln.

Sebbene non sia mai stato identificato il tempio dedicato a Giano, altri luoghi sacri erano presenti sul colle, ad esempio il bosco della Furrina, in cui Caio Gracco si fece uccidere dal suo servo, e sul quale, probabilmente, verrà edificato il tempio isiaco che oggi si può vedere nell’area di Villa Sciarra.
Nel Medioevo si afferma un’altra indicazione per il Gianicolo: esso fu denominato mons aureus dal colore degli strati affioranti di sabbia dorata. È possibile che questa caratteristica sia ricordata anche nell’itinerario di Einsidieln, un testo risalente all’VIII secolo dopo Cristo ad uso e consumo dei pellegrini che dovevano muoversi all’interno della città di Roma. L’estensore attraversa il Gianicolo per raggiungere San Cosimato e San Giovanni della Malva, e lo indica con il nome di mica aurea.
Il toponimo Montorio, fa quindi riferimento all’origine geologica del monte: può sorprendere infatti sapere che circa 2 milioni di anni fa, qui lo spazio era occupato da un antico mare. Sulle argille azzurre depositate dalla sedimentazione marina, si sono poi andate ad accumulare arenarie e sabbie di duna, che testimoniano il progressivo ritiro del mare. La natura

Tempietto del Bramante

del luogo lentamente cambia diventando quella di una formazione prima costiera e quindi continentale. Ancora oggi è possibile notare gli affioramenti delle sabbie originarie ad esempio sotto le mura proprio in prossimità della chiesa di San Piero in Montorio, all’interno dell’Orto Botanico o dentro Villa Lante.
Questa iniziale formazione geologica verrà poi quasi completamente coperta dalle lave delle eruzioni del vulcano Sabatino, ovvero dei monti Volsini e Cimini, e dei Colli Albani, che si trasformeranno nel tufo, uno dei principali materiali da costruzione utilizzato a Roma.
Sulle lave dei due sistemi vulcanici, la cui vicinanza alla città può essere facilmente verificata affacciandosi dal piazzale Garibaldi, poi sedimenteranno ancora le ghiaie e le sabbie portate a valle dall’antico corso del Tevere.
La lunga formazione geologica che è stata brevemente descritta da conto del particolare aspetto a terrazzamenti del colle: la piazza antistante San Petro in Montorio, quella più in alto del Fontanone, il Piazzale Garibaldi sono dei naturali balconi che si sono venuti a formare sulla cima delle dune di sabbia.
Questa particolare natura geologica è però anche causa della instabilità dei versanti del colle, e poiché essa è comune al Campo Vaticano e a Monte Mario, fu una delle cause che concorsero al crollo delle torri della basilica di San Pietro e che furono motivo di onta per Bernini.

Cristo alla colonna – Sebastiano del Piombo – San Pietro in Montorio.

Le argille azzurre risalenti a 2 milioni di anni fa affioranti venivano utilizzate nelle fornaci disseminate ai piedi del colle del Gianicolo come di Monte Mario.

Dalle cave ai piedi del Gianicolo a partire dal II secolo avanti Cristo verrà cavato il tufo di Monteverde, detto anche cappellaccio. Con questo tufo furono edificati alcuni importanti edifici della Roma antica tra quali alcuni tratti delle Mura Serviane, oppure nella costruzione di alcune parti del teatro di Ostia antica.
Ma il Gianicolo, per la sua vicinanza al Campo Vaticano, intreccia la sua storia con quella del martirio e della crocifissione di San Pietro. Non è nota la parte più antica della tradizione e come questa si sia stabilita nel tempo, quello che è noto è che a lungo il Gianicolo è stato ritenuto il luogo del martirio di Pietro.
Analogamente non è nota in dettaglio la storia della piccola chiesa sorta su una delle terrazze naturali. Ne viene per la prima volta ricordata l’esistenza nel Liber Pontificalis nel IX secolo dopo Cristo. Si sa poi che nel 1130 con una bolla di Innocenzo VIII il monastero e la chiesa vengono inglobati nei possedimenti dei monasteri benedettini di San Pancrazio e San Clemente. Prima del 1280 passa ai Celestini e quindi, in epoca non precisata, ai Fratelli Ambrosiani, i quali, una volta trasferitisi a San Pancrazio, la cedettero alle monache benedettine, le quali si estinsero nel corso del XV secolo.

Decorazione in stucco della cripta del tempietto del Bramante.

Sisto IV con una bolla del 1472 e poi con una successiva del 1481 concesse la chiesa, il convento e un ampio pezzo di terreno al beato Amedeo Menez da Silva e alla sua congregazione francescana detta degli Amadeiti, dal nome Amedeo. Sarà Amedeo Menez da Silva che visto lo stato di completa fatiscenza di chiesa e convento, a patire proprio dal 1481, provvide a opere di restauro che compresero l’abbattimento della vecchia chiesa e la ricostruzione della nuova.
Vasari afferma che la ricostruzione della chiesa venne fatta da Baccio Pontelli, ma di ciò non c’è alcuna altra testimonianza. L’impegno economico fu di Ferdinando d’Aragona e Isabella di Castiglia, e saranno proprio i reali di Spagna a chiamare Bramante a costruire il tempietto lì dove, secondo la tradizione quattrocentesca il martirio di San Pietro si intreccia con la storia di Amedeo Mendez da Silva, il quale pare vivesse da eremita in quella che oggi è la cripta del tempietto e che venne poi nominato beato.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Sorry, the comment form is closed at this time.